Pasquale Manzo

Nato a Napoli ha una formazione molto articolata, agli studi in architetura ha unito percorsi formativi legati al corpo, alla pittura, alla storia dell’arte.


Ha esposto a Napoli, Torino, Roma, Salerno, Barcelona, Parigi.


A Torino all’Hiroshima ha realizzato una trasposizione teatrale, con la body art delle Metamorfosi di Ovidio.


Ha collaborato con artisti internazionali, da fotografi come Mareen Olmann a registi e performer come Luigi Coppola, per il Museo M.A.D.R.E. fino a scritori come Alberto Micelota.

Fra le mostre segnaliamo: la personale a “Spazio arte” Napoli e la “MostraModulare” di Portici a cura Prof. Piccioli.


Alcune delle sue opere sono esposte a Roma a via dei Coronari, per la personale “La maschera… il fuoco”.Ha realizzato la copertina del libro di Rosario Di Nocera “Emergenza interna”.


Ha ricevuto una particolare annotazione della critica al premio “Torino incontra l’arte contemporanea”.

Sempre a Torino ha ricevuto il premio della critica nel concorso “La telaccia d’oro”, presso l’omonima galleria, con l’opera “Nirvana”.


E’ stato sottolineata l’originalità del suo lavoro nel “Concorso d’idee un’opera d’arte per il nuovo palazzo di giustizia”, presieduto dallo storico d’arte Achille Bonito Oliva con il patrocinio della Sovraintendenza ai beni culturali di Salerno. Ha partecipato al concorso “Il Viaggio”, biennale a cura dell’Università L’Orientale di Napoli.

Non va dimenticata, la sua attività di body painting che l’ha portato a partecipare alla ricostruzione de “Il costume del secolo” a Torino e agli “Incontri con l’arte del corpo” a Napoli.

Grande successo ha ottenuto la sua ultima mostra “SCOMPOSIZIONI” presso Palazzo Venezia di Napoli.

Vincitore del I°premio al Concorso Arte Espressiva "San Gennaro Art", con l’opera “S.G. 20.13” in cartapesta e foglia d’argento, ha partecipato alla mostra d’arte “Autunno in Cappella” con l’opera pittorica “Translatio Iannuarii” organizzata dal presidente UNESCO di Napoli Prof. Fortunato Danise con la collaborazione della Deputazione di San Gennaro l’omonimo museo, la Regione Campania e il Comune di Napoli le opere sono dono della Deputazione.


Grande successo ha riscontrato la mostra “Tra fuoco&mito” tenutasi dal 18 al 27 dicembre 2013 presso Palazzo Venezia via Benedetto Croce, 19 Napoli

Il 2014 l’ ha visto impegnato nella mostra “ARTE IN VETRINA” presso il complesso monumentale di S. Severo a Pendino e nella mostra “ARIA” organizzata da LINEADARTE galleria d’arte, presso il Museo Masseria Luce. S. Pietro a Patierno.


Grande successo ha riscontrato la mostra “MASCHERATA” presso Palazzo Venezia Napoli dal 26/12/2014 al 10/01/2015 e sempre a Palazzo Venezia, ha confermato il suo successo con la mostra “ARTISTICA-MENTE” dal 19 marzo al 12 aprile 2015.


Le sue opere hanno ormai valicato i confini dell’Italia e sono esportate all’estero dove continuano a riscuotere grande successo di critica e di pubblico.

La sua arte ha creato un ponte fra la tradizione e la modernità, i suoi Pulcinella rivisitano e reinterpretano la tradizionale maschera napoletana rispettandone la simbologia ma trasportandola nella contemporaneità.


I suoi vulcani sono un’esplosione di colore e di vitalità che rende omaggio alle forze della natura ma le riveste di un significato simbolico ed allegorico molto più profondo e complesso.


Nel 2016 vince la sesta edizione del premio internazionale San Gennaro Art presso il museo di San Gennaro Napoli con l'opera “I volti del miracolo” e il premio critica per l’opera “o munaciell incontra

San Gennaro” miti popolari al confronto. Nell’ottobre dello stesso anno vince il premio critica con l opera scultorea “alla Rivoluzione” presso la sala dei baroni del Maschio Angioino Napoli.


Nel luglio del 2017 partecipa all’ art performing festival un evento organizzato dal critico d'arte Gianni Nappa artisti internazionali dell'arte contemporanea espongono nella splendida cornice del Castel dell’ovo di Napoli, riscuotendo grande successo di pubblico e critica. dal 26 luglio al 26 agosto presso il Palazzo delle Arti di Napoli PAN partecipa al Napoli-Expo’-Art-POLIS a cura di Daniela Wollmann.


Il 30 settembre partecipa con una sua scultura allo spettacolo del maestro Marco Zurzolo sul tema delle quattro giornate di Napoli presso il Maschio Angioino Napoli.


Nell’ottobre del 2017 cambia radicalmente il modo di presentare le sue sculture in cartapesta creando un allestimento etereo come le sculture stesse, sospese o fuoriuscite dalle pareti che usa come tele bianche...attualmente espone presso ZTL spazio arte del maestro Zurzolo presso via Piazzi, 55 Napoli. Nel 2018 le sue opere valicano i confini nazionali per arrivare ad Amsterdam dove espone stabilmente diverse gallerie d'arte contemporanea e fondazioni. Il 2019 invece è l'anno in cui incontra il sovrintendente ai beni bibliografici della Campania, Gabriele Capone, uomo colto e sensibile al bello, con il quale instaura subito una proficua collaborazione che lo porterà ad organizzata presso il prestigioso complesso monumentale del Real Monte Manso una mostra dove le sculture di Manzo incontrano il mondo esoterico.

Language
Italian
Open drop down